“L’esercizio del lontano” by Elena El Asmar

Curated by Pietro Gaglianò

THE EXHIBITION:

To represent the practice of distance (L’esercizio del lontano) is impossibile. The practice of distance, is that which remains after you have reconsilled recollection with memory. Deconstructed, our memory is porous and vital while our recollections remain static ontilogical moments. The pendulum that oscilates between our memory and our recollections, navigates iradically upon the images that are part of our past, mostly because they do not currently reside in the space we occupy. Our recollections are the only moments where those images in that precise form, since in their original place, in their present, that have already changed. Our recollection

We are left with teh vital and porous nature of memory

Elena El Asmar (Firenze, 1978) presenta un progetto inedito, pensato per l’architettura di SRISA Gallery, che mette in campo i materiali e i processi della sua più recente ricerca. Le opere dell’artista si disporranno nel volume della galleria in una sintesi formale che procede da una visione organica della materia, delle immagini e dello spazio.

This March, Elena El Asmar
eidetic
L’esercizio del lontano è una rappresentazione impossibile. È quello che resta della fatica di coniugare il ricordo e la memoria, e di scomporli, per ricavare dalla fissità eidetica del primo la natura vitale e porosa della seconda. Tra ricordo e memoria c’è un pendolo in perpetua oscillazione, senza ordine, lungo immagini che appartengono al passato principalmente per una questione di spazio, solo perché nel momento presente ci troviamo in un luogo che non le contiene. Il ricordo è, però, anche l’unica condizione in cui continuano a esistere in quella forma precisa, mentre nel loro luogo, nel loro presente, sono già altro. Il ricordo trattiene queste immagini, la memoria invece le trasforma in una vita nuova, con la materia prima (anche quella dall’aspetto più ordinario) che trova a disposizione, e le rende a se contemporanee. Alla fine, nella sospensione del pendolo, al punto più alto della sua curva, quando si può immaginarlo fermo per un tempo infinitesimo, in quel punto e in quel momento, l’esercizio del lontano diventa plausibile. E si costruisce, fatica dopo fatica, come una città sfavillante vista sullo sfondo di un orizzonte litoraneo, e intanto, come scrive W.H. Auden, “il tempo osserva dall’ombra”.

Pietro Gaglianò

THE ARTIST:

EXHIBITION OPENING:

EXHIBITION DETAILS:

OPENING:

March 15, h. 6.30 pm

DATES:

March 15 - April 15, 2013
mon-fri 10:00 am – 9:00 pm - free entrance

SPACE:

ADDRESS:

SRISA Gallery of Contemporary Art
Via San Gallo 53/R, 50129, Florence Italy

SHARE